top of page
  • Immagine del redattoreMLT

C’è Ameba e ameba

Aggiornamento: 6 gen 2021

Oggi vi parlo di Ameba di CorazzinGroup, uno specchio con led e un pensile dalla forma originale che, ripetuti come frattali, creano una geometria dinamica e armoniosa.

Perché il nome Ameba?

Che cos'è un’ameba forse lo sappiamo tutti: è un organismo unicellulare, eucariote, appartenente al genere Protista; alcune specie vivono in acque dolci, altre in acque marine.

Cosa hanno in comune questo organismo con lo specchio Ameba lo andiamo a scoprire ora!

La forma: l’ameba è caratterizzata dall’avere una forma del corpo continuamente mutevole (ameboide appunto) e questo è possibile per il fatto che non possiede una tunica; il movimento avviene per l'emissione di pseudopodi formati sia da ectoplasma sia da endoplasma. Lo specchio e il pensile Ameba ricordano nella forma e nel contorno questi #pseudopodi.

L’interno: nell’ameba vi sono numerosi granuli di differente origine e vacuoli pulsanti che eliminano dalla cellula l’acqua in eccesso. In Ameba pensile (scusate il gioco di parole) c’è spazio per riporre gli asciugamani che, arrotolati, sembrano proprio dei granuli. E perché non inserire un getto d’aria per eliminare l’acqua in eccesso quando l’asciugamano è umido?!

Inoltre, come spesso accade in Natura, ciò che è nel micro c’è anche nel macro: la struttura base di Ameba viene ripetuta molte volte sulla parete fino a creare uno specchio o un insieme di pensili delle dimensioni volute, in un equilibrio di geometrie che conferiscono personalità, raffinatezza ed originalità al bagno.

(Immagini del sito http://www.corazzingroup.it)

37 visualizzazioni0 commenti
bottom of page