top of page
  • Immagine del redattoreMLT

Aria di Pasqua: il bouclé

Aggiornamento: 25 mag 2021

Si avvicina Pasqua e mi vengono in mente uova, fiori di pesco, agnellini e l'effetto bouclé!

Con il termine bouclé di derivazione francese che significa ‘arricciato’ si può intendere sia il filato che il tessuto che ne deriva.

Il filato bouclè è caratterizzato da continui anelli di dimensioni simili, che possono variare da piccoli cerchietti a grandi riccioli, nel senso della sua lunghezza. Si ottengono dall'utilizzo di due o più fili a tensioni diverse.

"E' un filato caratterizzato da anelli, boccole o piccoli occhielli di grandezza variabile, a distanza piuttosto regolare fra loro e con tratti più o meno lunghi."  Tecnicamente è un filato a fantasia da torsione, formato da due o più filati torti tra loro in modo originale per creare sezioni volutamente non regolari e di spessore mutevole.

Il tessuto bouclé che ne deriva è un tessuto fantasia, dall'aspetto molto materico dato dal caratteristico aspetto ispido e dall’intreccio inanellato.

Si possono avere tessuti bouclé di lana, di cotone o misti e nell'interior design trovano applicazione per tende e tappezzeria.

www.sapere.it

www.tessutietendaggipanini.it/


Quando usare il bouclé?

- quando si vuole creare un effetto materico agli imbottiti

- per dare un po' di fantasia ad un arredamento semplice e minimal

- per dare un tocco classico e chic anche ad un mood moderno

- per avere una sensazione di morbidezza negli imbottiti (sono ritornate le forme tonde!)

- per tende che filtrino la luce dalle finestre e dall'effetto verticalizzato, consistente ma morbido

- per avere cuscini dall'effetto morbido e invitante


11 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page